Visual Identity un'immagine aziendale su misura per il tuo brand

Cos’è la visual identity? A cosa serve? Come posso creare una visual identity di successo? In questo articolo parliamo di visual identity e di come può aiutarti a comunicare efficacemente e ad accrescere il tuo pubblico.

Cos’è la visual identity?

Prima di tutto facciamo chiarezza. La visual identity spesso viene confusa con la brand identity, e si tende a fare un bel pacchetto unico, in cui purtroppo uno dei due aspetti finisce per essere sopraffatto dall’altro. In effetti stiamo parlando di due concetti che devono essere sapientemente mixati.

Il tuo business si basa sicuramente su un insieme di valori e di idee. Tutti i tuoi sforzi si concentrano nel trasmettere al tuo pubblico un’immagine della tua attività, e dei tuoi prodotti, che rispecchi questi valori. In questo caso stai facendo un ottimo lavoro sulla tua brand identity. A questo punto ti starai chiedendo ma allora cos’è la visual identity? Semplice, è l’uso che fai di colori, immagini, logo, font e di tutti gli altri aspetti grafici della tua attività per comunicare con il tuo pubblico. Facciamo qualche esempio pratico.

Sei una wedding planner e ti rivolgi ad un target alto, che ti apprezza per la tua eleganza e i tuoi modi impeccabili.

“Il tuo matrimonio è il nostro sogno”

Questo font ti fa pensare all’eleganza? Ovviamente no! Anche i tuoi clienti non riuscirebbero ad associare il tuo brand alla tua immagine, e probabilmente si rivolgerebbero ad un’altra wedding planner.

Il mio esempio vuole essere esasperato per rendere chiaro il concetto: i valori del brand e l’immagine percepita dal pubblico devono essere coerenti. La visual identity è dunque parte integrante, e a mio parere imprescindibile, della brand identity.

Non sei ancora convinta? Forse ti stai chiedendo “scusa, ma non basta un pò di sano buongusto e qualche bella foto?”. Se continui a leggere vedrai che per lanciare brand di successo non basta 🙂

A cosa serve la visual identity?

Abbiamo visto cos’è la visual identity. Adesso è il momento di capire a cosa serve, e perchè le grandi aziende di successo dimostrano di averla tanto a cuore.

Hai presente quando sfogli distrattamente una rivista, e senza farci nemmeno troppa attenzione riconosci il logo di questa o di quell’altra azienda? Ecco, per farla breve l’estrema importanza della visual identity si può riassumere in questa domanda. Un brand viene riconosciuto dal suo pubblico su più fronti: il fronte visivo è quello più immediato.

Per quanto sembri incredibile il cervello umano elabora molto (ma davvero molto!) più velocemente le immagini rispetto ai testi: circa 60.000 volte più velocemente, per essere precisi. Inoltre abbiamo la capacità di tenere a mente più a lungo forme e colori.

I colori in particolare sono uno degli aspetti che riesce ad influenzare maggiormente la nostra attenzione. Tu penserai di non riuscire a ricordare a memoria i colori dei loghi di grandi brand. Sbagliato! Ci riesci eccome. Come lo so?! Ho fatto questo quiz trovato online, e se proverai a farlo anche tu sono sicura che ti stupirai di quanto valore attribuisca il nostro cervello alle informazioni relative al colore.

Esistono anche dati precisi in merito al fatto che le decisioni dei clienti siano influenzate fino al 90% dal colore. Basti pensare che qualche anno fa, con il boom di Amazon, si notò un aumento dell’uso del colore arancione nei contesti e-commerce, soprattutto per i tasti relativi al carrello. Questo perchè il consumatore medio associasse il colore “dell’acquisto” alla credibilità del marketplace.

La percezione del “valore” di un brand è dunque strettamente connessa all’aspetto visivo, e rende anche più efficiente e mirata la comunicazione. Attraverso gli elementi grafici puoi trasmettere tutta una serie di emozioni e di stati d’animo che influenzino positivamente il tuo cliente, guidandolo nella comprensione dei tuoi valori.

Fare in modo che i valori e l’immagine aziendale si muovano nella stessa direzione, in totale armonia, rende dunque più semplice e immediata la comunicazione verso i potenziali clienti. Inoltre aumenta la credibilità e l’autorità del brand.

Adesso che abbiamo visto cos’è la visual identity e a cosa serve dobbiamo fare un salto dalla teoria alla pratica. Come? Creando una visual identity che spacca, ovvio! Sei pronta? Andiamo.

Come creare una visual identity di successo in 5 punti

Quando pensiamo all’identità visiva di un brand la prima cosa che ci viene in mente è il logo. La verità è che per visual identity si intende una serie di elementi che caratterizzano visivamente il nostro marchio, e non soltanto il marchio in sè. Questi elementi spaziano dalla scelta di una palette di colori, alle immagini che pubblichiamo sui social e sul blog, fino ad arrivare alla scelta del font.

Vediamo più nel dettaglio gli elementi fondamentali che caratterizzano una visual identity di successo:

1. Il logo

Non è l’unico aspetto su cui concentrarsi, ma è comunque un elemento molto importante per l’identità della tua attività. Il logo deve rappresentare in modo semplice e immediato il tuo brand. Può essere composto da immagini e testo, oppure soltanto da uno dei due elementi. Tuttavia è necessario scegliere un logo che sia facilmente riproducibile, perchè potrai usarlo oltre che sul web anche su materiale cartaceo come brochure, volantini, biglietti da visita o gadget.

I colori del logo dovrebbero rappresentare l’essenza e i valori del tuo brand, ma assicurati che anche declinato nei toni del bianco e nero resti chiaro e facilmente riconoscibile. Per la scelta dei colori ti consiglio di andare al punto 2, troverai le informazioni che ti servono!

2. Palette di colori

Non dirmi che non ne hai ancora scelto una! Devi assolutamente rimediare. Prima di tutto perchè la scelta della palette di colori è davvero divertente (io amo crogiolarmi tra i colori), e poi perchè sarà la TUA palette, saranno i colori che ti distingueranno da tutti gli altri. Come dicevo poco prima il colore è un’aspetto che viene recepito immediatamente dal nostro cervello, e riesce ad influenzarci anche emotivamente.

Stai creando un marchio di abbigliamento biologico e vegano? Magari colori come il nero o il rosa accesso non fanno per te. Prediligi colori naturali, come i vari toni di verde e giallo. Questo consentirà ai tuoi clienti di associare con piacere l’immagine del tuo brand alla loro rappresentazione mentale dei valori che intendi promuovere, come l’etica verso l’ambiente e il rispetto della natura.

Se invece sei la proprietaria di una Luxury Spa potrai assolutamente osare con colori come il nero, l’oro o i toni del viola. Questi colori vengono spesso associati a brand eleganti, sofisticati, e possono aiutarti a trasmettere in modo più immediato la natura del tuo marchio.

Ti consiglio di non esagerare con la scelta di palette composte da 4 o 5 colori. La tentazione di eccedere può essere forte davanti a serie infinite di sfumature e accostamenti. Io però ti consiglio di scegliere 2, massimo 3 colori per la tua palette e di mantenerti fedele alla scelta per tutti gli aspetti grafici che riguardano il tuo brand.

3. Font

Abbiamo già visto che la scelta del font sbagliato per la tua visual identity può far scappare i clienti a gambe levate. In linea di massima non dovresti usare più di 2 font per costruire la tua identità visiva. Questo perchè l’uso di tanti font diversi non contribuisce in alcun modo a costruire una visual identity coerente, o facilmente riconoscibile. Ti dirò che è anche un pò bruttino esteticamente l’uso di tanti font diversi a mio parere.

Scegli il font sempre in accordo con i valori del tuo brand. Prediligi caratteri che siano facilmente leggibili sia su monitor che su carta, e non eccedere con il corsivo (noi donne abbiamo una passione per il corsivo, come puoi vedere sono una fan anch’io!).

4. Foto

Tutte le immagini associate al tuo brand dovranno essere coerenti con i valori e le idee che vuoi trasmettere. Se usi immagini acquistate su siti di stock cerca sempre di scegliere collezioni che abbiano una coerenza dal punto di vista di soggetti, inquadrature, ambientazioni.

Se invece sei una brava fotografa e usi dei filtri cerca di trovarne uno o due che possano rappresentare al meglio i colori e lo spirito del tuo marchio. In questo modo anche i tuoi profili social saranno armoniosi, e coordinati alla tua visual identity.

Scegli anche che uso vuoi fare delle tue immagini. Come dicevamo prima, le immagini riescono a provocare emozioni immediate. Se sei una personal trainer potrai usare la tecnica del “prima e dopo”, mostrando immagini di clienti che hanno perso peso e migliorato il loro fisico seguendo le tue lezioni. Un esempio semplice, ma che permetterà ai tuoi clienti di identificare immediatamente la natura della tua attività, e li farà sentire bendisposti verso un brand che mostra i risultati ottenuti con testimonianze reali.

5. Modelli di pubblicazione per i social

Hai già pensato a quale modello grafico usare per la pubblicazione sui social? Se non lo hai fatto è arrivato il momento di pensarci! Un modello grafico è in pratica l’immagine ideale per i tuoi social, da modificare in base al contenuto che intendi pubblicare. Un modello può comprendere parte grafica (foto, immagine vettoriale) e parte testuale, o entrambe. Potrai scegliere un modello diverso per ogni social, che sia graficamente coerente sia per contenuto che per dimensione.

Il modello ti permetterà di risparmiare tempo. Non dovrai pensare ogni volta allo stile dell’immagine da pubblicare, ti basterà modificarne soltanto il contenuto in base a ciò che desideri condividere.

Forse puoi pensare che si tratti di uno strumento adatto soltanto a chi ha conoscenze in campo grafico. E invece buone notizie, non è così! Piattaforme come Canva che ti consentono di realizzare in modo autonomo grafiche accattivanti, con le dimensioni richieste dai diversi social. Potrai creare i tuoi modelli ideali, usando i colori della tua palette e le immagini che desideri.

Direi che non hai più scuse, è ora di creare i tuoi modelli!

Ricapitolando: non esiste brand identity senza visual identity, e viceversa! I valori della tua attività dovranno emergere attraverso la visual identity. L’immagine percepita dal tuo pubblico dovrà essere sempre coerente con il brand e le sue caratteristiche. Un ultimo consiglio, sii creativa e metti tutta la tua personalità nella creazione della visual identity perfetta. Così il tuo brand sarà davvero unico.

Al prossimo articolo

Ciao e benvenuto, io sono Valentina e questo è il blog del mio studio grafico Intuitive Design. Qui troverai post dedicati al web design, al branding, al visual design, ma anche consigli e riflessioni sulla vita da freelance e da creativa.

Condivido la mia esperienza, e spero che lo troverai utile. Grazie per essere qui!

Mi trovi anche qui

Non perderti le novità

Ricevi i contenuti gratuiti e le ultime novità dal blog

LAVORA CON ME

Parlami del tuo brand

Ultime da Instagram

IN REGALO: codice sconto del 10% valido su tutti i pacchetti! ISCRIVITI SUBITO